Translate

martedì 19 marzo 2019

Auguri sinceri di buon compleanno al grande Rosario Marcianò

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina



AUGURI SINCERI DI BUON COMPLEANNO AL COMBATTENTE E AMICO ROSARIO MARCIANÒ CHE DA ANNI FA VERA INFORMAZIONE A RIGUARDO DELLA GEOINGEGNERIA CLANDESTINA.



Una realtà che viene tenuta nascosta dai media nazionali per via  segreto di Stato e del segreto militare.
Tanti auguri di cuore.

Per chi volesse aiutare Tanker Enemy può fare una donazione a questo link di riferimento.

Un grazie sincero a chi lo farà. 



macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

domenica 10 marzo 2019

13 MILIONI DI EURO NEL 2016 DA GLAXO A ISTITUTO SUPERIORE SANITA’, OSPEDALI, ASL, UNIVERSITA’, MEDICI E PEDIATRI?

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina
Tangenti-medici
13 MILIONI DI EURO NEL 2016 DA GLAXO A ISTITUTO SUPERIORE SANITA’, OSPEDALI, ASL, UNIVERSITA’, MEDICI E PEDIATRI?

Pubblichiamo la presunta rendicontazione 2016 dei finanziamenti di GLAXO

Se il documento fosse confermato, si potrebbe teorizzare su coloro che vanno in TV o sui giornali a parlare sempre bene dei vaccini, negando l’inverosimile, spacciandosi per medici indipendenti e liberi, quanto meno, da conflitti di interessi.

Non abbiamo motivo di dubitare dell’autenticità del documento allegato, visto che il finanziamento di Glaxo (ed altre case farmaceutiche) a società come FIMP e SIP, era stato già pubblicamente rivelato dagli inviati della trasmissione televisiva di LA 7, La Gabbia Open del 31/05/2017, al minuto 54′, e candidamento confermato da uno di loro, il Presidente della SIP (Società Italiana di Pediatria), dott. Alberto Villani, lo stesso che ha recentemente ed arbitrariamente “deciso”, contro ogni logica scientifica, l’assoluta inutilità degli esami e dei controlli prevaccinali sui bambini.

Questi alcuni presunti finanziamenti. Il documento completo è pubblicato nell’allegato alla fine.
FONDAZIONE PENTA ONLUS (malattie infettive pediatriche), PADOVA: € 1.302.838
SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive Tropicali, FIRENZE): € 225.435
ISSIstituto Superiore di Sanità (sì, il supremo organo sanitario ministeriale, quello dell’attore Walter Ricciardi), ROMA: € 125.660
Università degli Studi La Sapienza, ROMA: € 164.292
FIMP (Federazione Italiana Medici e Pediatri, ROMA): € 153.000
FADOI (Federazione delle Associazioni dei Dirigenti Ospedalieri Internisti, ROMA): € 130.413
FONDAZIONE POLICLINICO TORVERGATA, ROMA: € 113.540
Università degli Studi di Bologna€ 107.349
Fondazione ICONA, MILANO: € 94.000
Università degli Studi di Firenze: € 54.047
Azienda Ospedaliera di Modena: € 34.000
SIP (Società Italiana di Pediatria): € 26.840 
ASL Roma 1: € 10.980
Azienda Ospedali Riuniti Umberto I Torrette di ANCONA: € 6.357 
Scaricate il documento in pdf e, con la funzione MODIFICA e poi TROVA, cercate il medico, il pediatra, la zona, l’Ospedale, l’ASL, l’Ordine dei Medici, l’Università, la Federazione che vi interessa…E poi scriveteci se per caso talun medico o ospedale di questi compare con troppa frequenza nei media.
macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

mercoledì 16 gennaio 2019

Zeolite - Elkopur 312® + Montmorillonite

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina
Zeolite - Elkopur 312® 

ZEOLITE - ELKOPUR 312® + MONTMORILLONITE

Per 30 giorni-Elimina metalli pesanti, radioisotopi, tossine, istamina.

Elkopur 312® è un prodotto naturale studiato per disintossicare il tratto gastrointestinale e dare sollievo al fegato grazie all'eliminazione di metalli pesanti, radioisotopi, tossine ed anche alla riduzione del carico di ammonio e istamina.
Elkopur 312® si differenzia totalmente dalle altre terre minerali per le sue proprietà adsorbenti.
Contiene una miscela attivata di zeoliti (clinoptioliti) e di smectiti (montmorilloniti), le cosiddette terre medicamentose di origine minerale, che vengono utilizzate da millenni da popolazioni primitive ed anche nel mondo animale.
La funzione della zeolite è conosciuta ed è quella di assorbire le sostanze nocive (metalli pesanti, isotopi, pesticidi...), mentre la montmorillonite ha il compito di favorire l'evacuazione di tali sostanze catturate, grazie ai suoi cristalli sferici.
Ekopur 312® è l'unico prodotto sul mercato EU con questa formula.

Quando si usa ELKOPUR 312®?

Per la prevenzione, la terapia e l'accompagnamento terapeutico di tutte le forme di cure di disintossicazione per ridurre il sovraccarico del fegato, l'organo di disintossicazione più importante dell'uomo.
Assunto per via orale serve non solo per assorbire i metalli pesanti e le tossine organiche nel tratto gastro-intestinale, ma anche come terapia di accompagnamento di disturbi gastro-enterologici di origine batterica/virale.

Zeolite - Elkopur 312®




INDICAZIONI:



Legame ed escrezione di metalli pesanti

Legame ed escrezione di isotopi (radioattivi)

Riduzione dell'ammonio
Riduzione delle tossine da escrezioni batteriche e virali
Riduzione delle micotossine
Riduzione del carico di tossine da pesticidi, solventi chimici
Legame di istamina e di gas nel tratto gastrointestinale.



Come va usato ELKOPUR 312®?

Si consiglia di assumere 2-3 capsule al giorno con acqua (minimo 150 ml – 1 bicchiere abbondante per ogni capsula ingerita)
Elkopur 312 può essere assunto sia prima che dopo i pasti, non vi è molta differenza.
L’importante è distanziare almeno 1 ora se si prendono altri farmaci e/o integratori.
Si consiglia di fare dei cicli di depurazione, esempio: ciclo di 1 mese, poi intervallo di 1 settimana, e poi di nuovo il ciclo di 1 mese (secondo esigenze personali e/o consiglio di terapista). L’importante è, come in tutte le cure detox, bere molta, molta acqua.
Da non assumere contemporaneamente con altri medicamenti. Non sono noti effetti collaterali. Non sono note controindicazioni.
Durante la gravidanza e allattamento o in casi di problemi di carattere medico, consultare sempre il proprio terapista prima di assumere ELKOPUR 312®.
  • Non somministrare ai bambini in fase di crescita.
1 capsula contiene 680 mg di ELKOPUR 312 ® (ANZM: zeolite-clinoptiolite e montmorillonite naturae, attivata).
Altri ingredienti: HPCM (involucro vegetariano) cellulosa.
LE CAPSULE ELKOPUR SONO SENZA CONSERVANTI, SENZA COLORANTI E SENZA AROMI. NON CONTENGONO SALE E INGREDIENTI DI ORIGINE ANIMALE.
Il prodotto è acquistabile con uno sconto del 10% nel link a seguire. 
Buona depurazione.

Zeolite - Elkopur 312® + Montmorillonite
Per 30 giorni-Elimina metalli pesanti, radioisotopi, tossine, istamina
Voto medio su 364 recensioni: Da non perdere
€ 32,90




macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina

lunedì 12 novembre 2018

Morbillo, a Bari il procurato allarme…a mezzo stampa

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti;
stampa la pagina

Il TG2 (delle ore 13) e il TG1 Rai (delle ore 13:30) ma anche altri organi di stampa, hanno diffuso con grande risalto la notizia pubblicata oggi su “La Gazzetta del Mezzogiorno“di una “epidemia di morbillo“, comunicando che ci sarebbero 8 casi già accertati nell’ospedale pediatrico “Giovanni XXIII” di Bari. Il “contagio”, viene ribadito nei vari servizi, potrebbe essere stato innescato dal figlio di genitori “no-vax“.

“Il focolaio epidemico – si legge nell’articolo – sarebbe scoppiato, a quanto pare, anche per via della tardiva applicazione dei protocolli previsti dalla legge”. Insomma: una bambina di 10 anni, figlia di genitori anti-vaccinisti, potrebbe aver innescato una catena di contagi. Che ha riguardato anche un bimbo di 11 mesi, ricoverato nello stesso reparto del nosocomio barese per otite e ora alle prese con una malattia molto grave.

A stretto giro è arrivata la precisazione di Cinzia Germinario, responsabile dell’Osservatorio epidemiologico della Regione Puglia, secondo la quale non ci sarebbe “nessun allarme epidemia di morbillo in Puglia”. “Basta il ricovero di un bambino, come accaduto in questo caso, per innescare una normale catena di contagio tra i non vaccinati perché il morbillo è una patologia altamente contagiosa” ha proseguito assicurando che “la situazione non è preoccupante”. Ma proviamo a fare chiarezza. Con il termine epidemia, dal greco epi dêmos, letteralmente “sopra il popolo”, s’intende una malattia che colpisce un numero di individui significativamente superiore rispetto all’atteso, in una determinata popolazione e in un determinato lasso di tempo. L’endemia è la condizione di una malattia costantemente presente nelle condizioni di cui sopra. Il morbillo (dal latino medievale morbillus, vale a dire piccola malattia) è una patologia infettiva assai comune, normalmente benigna, superabile senza alcuna conseguenza deleteria e, anzi, conseguendone un’immunità a vita. L’Istituto Superiore di Sanità è chiaro in proposito: “Una volta contratto, il morbillo dà un’immunizzazione teoricamente definitiva, quindi non ci si ammalerà più per l’intera durata della vita”. La sua presenza costante nella popolazione rientra a buon diritto nella condizione di endemia. La sua morbilità segue l’andamento comune delle malattie infettive (vedi grafico relativo alla morbilità e alla mortalità per morbillo in USA) e, dunque, è estremamente altalenante.

Nel 2017 i casi registrati in Italia sono stati circa 4.000, cioè, in maniera approssimativa, un caso ogni 150.000 abitanti. Negli anni Novanta si sono raggiunti anche i 30.000 casi/anno (considerando la popolazione di allora, un caso oltre meno di 20.000 abitanti) senza che questo costituisse allarme e, anzi, rientrando nella più assoluta normalità. L’articolo Il MORBALLO ovvero l’epidemiologia del morbillo in Italia del prof. Paolo Bellavite(Università di Verona) è documentato ed esplicativo in tal senso.

Insomma, è fin troppo evidente, numeri alla mano, che è impossibile parlare di “epidemia”, non essendo stato rilevato alcun numero di casi che esorbiti dalla più assoluta normalità per una malattia che, comunque, è endemica. È altrettanto evidente che non esiste la minima prova che il “focolaio” sia stato originato da una bambina ammalata, non fosse altro perché in una città che conta 323.370 abitanti (dati ISTAT del 1° gennaio 2018), capoluogo di una provincia con 1.264.000 abitanti e di una regione con oltre 4 milioni di abitanti, un “untore” è quanto meno difficile da individuare. Il fatto, poi, che la famiglia della bambina accusata sia “no-vax” non ha la minima rilevanza, se non come indice di una modalità d’informazione volutamente insinuante. 

La recente epidemia di morbillo che ha colpito la Mongolia (97% di copertura vaccinale) ha interessato quasi esclusivamente i vaccinati. Potrà essere interessante consultare i dati OMS relativi al morbillo in Ucraina: nel 2010 i casi furono 39 con una copertura del 56%, e furono 12.744 due anni dopo quando la copertura era salita al 79%. Nel 2016 i casi furono 90 con il 42% di copertura e l’anno seguente, con una copertura dell’86%, i casi toccarono i 4.782. Ma tutti i dati sono concordi a mostrare come la copertura vaccinale non abbia mai comportato una diminuzione della morbilità, dimostrando, anzi, il contrario.

Le fonti d’informazione citate hanno omesso di comunicare, comunque, se i casi registrati a Bari siano stati a carico di soggetti trattati da vaccino, se i soggetti colpiti fossero affetti da altre patologie e, soprattutto nel caso del TG2, hanno fatto passare l’idea che il morbillo comporti necessariamente effetti gravissimi, quando l’Istituto Superiore di Sanità pubblica “Il morbillo non ha sintomi gravi” e “Le complicazioni sono relativamente rare”.  Insomma, se ciò che comunica l’Istituto di Sanità è credibile, è impossibile non domandarsi quali e quanti effetti gravi ci si possano attendere da 8 casi. In definitiva, appare evidente come sia gli articoli dei quotidiani sia i servizi della televisione di stato tendano a procurare un allarme presso la popolazione a dir poco privo di un qualunque fondamento.

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti
stampa la pagina