Translate

martedì 24 gennaio 2017

L'ordine dei Medici processa il dr Miedico, "no-vaxx: contro di me oscurantismo medievale"




L'Ordine dei medici di Milano ha convocato, per il prossimo 27 gennaioDario Miedico, per chiedergli spiegazioni in merito la sua posizione no-vax. La convocazione dell'Ordine è scattata dopo che l'ente, che rappresenta 25mila camici bianchi tra Milano e provincia, ha ricevuto numerose segnalazioni in merito ad alcuni video pubblicati online nei quali il dottore esponeva i vantaggi, ma soprattutto i svantaggi, delle vaccinazioni. Con Miedico anche un altro dottore milanese, che avrebbe espresso le stesse posizioni, è stato convocato sempre per venerdì 27 dall'Ordine di Milano, il secondo più grande in Italia dopo quello di Roma. Anche lui dovrà fornire chiarimenti in merito la sua posizione sui vaccini.

LA LETTERA APERTA DEL MEDICO SOTTO ACCUSA

L'istruttoria sui due medici, come anticipato da Repubblica Milano, era iniziata nei giorni scorsi. Adesso, la prima convocazione: in base a quanto stabilito l'anno scorso dalla Federazione nazionale dell'ordine dei medici, i due no-vax rischiano sanzioni pesanti, che possono arrivare fino alla radiazione. I due medici saranno prima ascoltati dal presidente dell'Ordine, Roberto Carlo Rossi. Dopo, i casi saranno esaminati dalla commissione medica dell'ente.

Tra i due medici 'sotto processo', Miedico da anni è in prima linea nelle campagne per la richieste della "libertà di vaccinazione". Il medico è attivissimo online e sui social network tramite Comilva, l'associazione al centro del movimento no-vax italiano. Non solo: il medico lo scorso ottobre è stato anche protagonista di un convegno, organizzato in Regione Lombardia, sulle vaccinazioni. In quell'occasione avevano contribuito al dibattito relatori sia pro sia contro le vaccinazioni. Tra cui, appunto, lo stesso Miedico, invitato dal Movimento 5 stelle. In più, l'anno prima, nel novembre del 2015, era stato protagonista di un intervento sui danni provocati dalle vaccinazioni durante un convegno a Roma organizzato in Senato.


In risposta alla convocazione fatta dal presidente dell'Ordine milanese, Roberto Carlo Rossi,Miedico ha scritto una lunga lettera aperta, per rivendicare la sua posizione, che lui sostiene essere non di contrarietà assoluta alle vaccinazioni: "Non è vero che sono contro le vaccinazioni - puntualizza - Sono critico rispetto alle modalità attuali con le quali vengono praticate le vaccinazioni, a cominciare dall'obbligatorietà di legge". Questo perché, aggiunge il medico, "non vaccinato non significa automaticamente malato, perché anche il bimbo vaccinato può essere inconsapevolmente un portatore sano".

Miedico sfida apertamente l'Ordine dei medici che lo convoca: "Mi rifiuterò di prestare il fianco a un processo antistorico e illiberale che fa rimpiombare l'Italia nei più bui periodi dell'Oscurantismo medioevale o quantomeno in quelli degli anni 60 quando, a fronte del rifiuto vaccinale, qualche fanatico residuo del Ventennio azzardava al Tribunale dei minori la richiesta della sospensione della patria potestà dei genitori", si legge nel documento.

Sul caso Roberto Burioni, medico del San Raffaele e professore dell'università Vita-Salute, in prima linea nella campagna a favore delle vaccinazioni, non ha dubbi: "Un pompiere che dice che gli incendi si spengono con la benzina o un agente della stradale che afferma che da ubriachi si guida meglio devono essere cacciati. Allo stesso modo un medico che dice a una sua paziente gravida che può tranquillamente fumare, o che spaventa una mamma paventando rischi inesistenti legati alla vaccinazione, non può secondo me essere un medico - scrive il docente su Facebook - Siamo quindi ad un punto importantissimo e decisivo. L'Ordine dei Medici di Milano si è mostrato coraggi
oso e ha mantenuto le promesse e per questo merita tutto il nostro plauso".  

fonte: http://milano.repubblica.it/cronaca/2017/01/23/news/vaccini_milano_no-vax_ordine_medici-156678649/?refresh_ce 

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.